salta al contenuto

Mantenimento Giudice di pace - Completamento della procedura ai sensi dell'art.3 del d.lgs.156/2012 - Revisione delle circoscrizioni giudiziarie

aggiornamento: 12 maggio 2015

Aggiornamento 12 maggio 2015 - Ripristino degli uffici del Giudice di pace soppressi

Circolare 12 maggio 2015 - Istruzioni per il ripristino degli uffici del Giudice di pace soppressi, ai sensi del D.L. 31 dicembre 2014 n. 192, convertito con modifiche con legge 27 febbraio 2015 n. 11

 

Aggiornamento 26 febbraio 2015 - Chiarimenti su chi dovrà pagare le spese di giustizia presso gli uffici del Giudice di pace mantenuti dagli Enti locali

Nota 13 febbraio 2015 - Spese di giustizia. Uffici del giudice di pace mantenuti a carico degli enti locali.


Aggiornamento 19 dicembre 2014 - Si pubblica a titolo informativo il decreto 18 dicembre in fase di registrazione alla Corte dei Conti. Il provvedimento è stato adottato a seguito della presentazione da parte degli enti interessati di formale revoca dell’istanza per il mantenimento dell’Ufficio del Giudice di pace.

  ►Decreto 18 dicembre 2014 - Esclusione mantenimento sedi Giudice di Pace di Carini e Mussomeli ai sensi dell'art. 3 d.lgs. 156/2012
 

 Aggiornamento 17 dicembre 2014 - Indicazioni relative all'attazione del passaggio al nuovo assetto gestionale per gli uffici mantenuti con oneri a carico degli Enti Locali all’esito della procedura di cui al d.m. 10 novembre 2014

► Circolare 17 dicembre 2014 - Istanze presentate dagli Enti locali ai sensi dell’art. 3, d.lgs. 156\2012. Attuazione del passaggio al nuovo assetto gestionale per gli uffici mantenuti con oneri a carico degli Enti Locali all’esito della procedura di cui al d.m. 10 novembre 2014


Aggiornamento 12 dicembre 2014 - Indicazioni agli uffici

 ► Indicazione della Direzione risorse materiali beni e servizi  che fa chiarezza sulla richiesta dei comuni di subentro nei contratti in essere con l’amministrazione. La questione si è posta per l’affitto delle fotocopiatrici ma è estendibile in generale agli altri contratti. Si chiarisce che non è possibile il subentro da parte dell’ente locale.

“Per quanto concerne le fotocopiatrici e le ulteriori strumentazioni che sono in noleggio e non di proprietà dello Stato, l’Amministrazione formalizzerà il recesso dal contratto di adesione alla convenzione CONSIP, chiedendo al locale fornitore di ritirare le varie macchine fotocopiatrici ubicate negli immobili degli uffici del Giudice di Pace mantenuti a totale onere del Comune che ne ha fatto richiesta”.
 

 ► Indicazione della Direzione sistemi informativi e automatizzati che fa chiarezza sulle possibilità di accesso alla rete giustizia da parte del personale comunale che sarà accreditato previa valutazione del presidente del tribunale.

“Si precisa che l’accesso alla Rete Unitaria dell’Amministrazione, da parte degli utenti degli uffici, richiede il possesso delle Credenziali ADN, il cui rilascio è subordinato ad autorizzazione scritta da parte del Presidente del Tribunale competente territorialmente. In mancanza di credenziali ADN è comunque possibile accedere ad un ristretto numero di siti web istituzionali il cui elenco è mantenuto dal Ministero.”

 

Aggiornamento 25 novembre 2014 - In linea la nota della Direzione sistemi informativi e automatizzati

 ►Nota 25 novembre 2014 - Indicazioni agli Enti locali al fine di assicurare la corretta gestione informatica degli Uffici dei Giudici di pace il cui funzionamento viene posto a loro carico
 

Aggiornamento 17 novembre 2014 - In linea la circolare del Capo Dipartimento dell'organizzazione giudiziaria che chiarisce l’interpretazione e l’attuazione del d.m. 10 novembre 2014

 ►Circolare 17 novembre 2014 - Istruzioni e chiarimenti sull’interpretazione e sull’attuazione del d.m. 10 novembre 2014

la circolare della Direzione risorse materiali beni e servizi relativa ai criteri da applicare per l’utilizzo dei beni mobili che si trovano presso gli uffici del Giudice di pace mantenuti dai comuni ai sensi dell’art. 3, d.lgs. 156/2012 e che si trovano presso quelli soppressi di cui non è stato previsto il mantenimento, ai sensi del  d.m. 7 marzo 2014, indicati nell’allegato 2 dello stesso decreto

 ►Circolare 17 novembre 2014 - Istruzioni relative alla destinazione dei beni mobili degli uffici del giudice di pace mantenuti

 la nota di istruzioni predisposta dalla Direzione del personale e della formazione che, quanto al personale comunale addetto agli uffici del giudice di pace mantenuti ai sensi dell’art. 3, d.lgs. 156\2012,  fornisce dati in merito:

  • all’inquadramento professionale che deve avere per svolgere l’attività presso gli uffici del giudice di pace, parametrato anche sulla base di una tabella di equiparazione, già diffusa con precedente nota
  • alla consistenza organica degli uffici del giudice di pace
  • alla vigilanza demandata sugli uffici del giudice di pace al presidente del tribunale tenuto, insieme al giudice coordinatore, ad una attenta valutazione sulla sussistenza di tutti i profili dell’ufficio idonei ad incidere sulla funzionalità dello stesso

 ►Circolare 17 novembre 2014 - Indicazioni operative per la fase di avvio delle attività degli uffici del giudice di pace mantenuti dagli enti locali


Aggiornamento 10 novembre 2014 - Il 6 novembre 2014, il decreto legge 13 settembre 2014 n. 132 è stato convertito, di conseguenza il ministro oggi ha firmato il decreto ministeriale che, in attuazione del d.m 7 marzo 2014, definisce la procedura relativa al mantenimento degli uffici del giudice di pace ai sensi dell'articolo 3 d.lgs. 156/2012.

D.m. 10 novembre 2014

Con nota del 24 ottobre 2014 il Capo di Gabinetto ha comunicato ai capi degli uffici che, essendo pendente in Parlamento la procedura di conversione del decreto legge 13 settembre 2014, n. 132, che prevede la riapertura degli uffici di giudice di pace di Barra ed Ostia, ciò determina il mantenimento dell’attuale assetto territoriale e gestionale di tutti gli uffici del giudice di pace, fino alla definizione del procedimento legislativo.

Nota 24 ottobre 2014 - Adempimenti previsti dal d.m. 7 marzo 2014, pubblicato sulla G.U. 14 aprile 2014. n. 87, concernente “Individuazione delle sedi degli uffici del giudice di pace ai sensi dell’art. 3 del d.lgs. 156/2012

 

A seguito di questa nuova situazione il Capo Dipartimento dell'organizzazione giudiziaria ha diramato la nota 27 ottobre 2014 di precisazione per quanto riguarda il personale amministrativo.

Nota 27 ottobre 2014 - Mantenimento degli uffici del Giudice di Pace con oneri a carico degli enti locali ai sensi dell’art.3, comma 2 del d.lgs.n.156/2012 - Personale amministrativo

 

L’art. 3, comma 2 del d.lgs. n. 156/2012 prevedeva che gli enti locali, anche consorziati tra loro, potessero richiedere il mantenimento degli uffici del giudice di pace soppressi, facendosi integralmente carico delle spese di funzionamento e di erogazione del servizio giustizia nelle relative sedi, nonché del fabbisogno del personale amministrativo.

►Per approfondimenti: Revisione circoscrizioni giudiziarie » Mantenimento degli uffici del Giudice di pace