Seguici su

Relazione sulla performance 2012 - Dipartimento per gli affari di giustizia

Dipartimento per gli affari di giustizia

Relazione al sistema di misurazione e valutazione performance anno 2012


Sintesi delle informazioni sul dipartimento

Il dipartimento per gli Affari di Giustizia ha competenze molto articolate che si estendono su più ambiti di operatività coinvolgendo referenti esterni assai diversi fra loro. Le competenze riguardano la gestione amministrativa dell'attività giudiziaria in ambito civile e penale, ambiti in cui l’impegno è di rilievo anche a livello di cooperazione internazionale con l'Unione europea e con Organizzazioni Internazionali. Ciò si traduce in una attività preparatoria  di incontri e di convenzioni internazionali cui segue l’effettiva cooperazione, attiva e passiva, con autorità giudiziarie straniere. Sempre nei settori in esame, è intenso l’impegno per lo studio e proposta di interventi normativi anche ai fini dell’adeguamento del diritto interno alle previsioni degli strumenti internazionali nelle rispettive materie.

Il Dipartimento segue poi la fase di pubblicazione delle leggi e degli altri provvedimenti normativi e non normativi nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana ed all'inserzione nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica.

E’ impegnato nel contenzioso nel quale è interessato il Ministero, salvo quello riguardante le materie di specifica competenza di altri dipartimenti, e rappresenta lo Stato avanti la Corte europea dei diritti dell'uomo.

Vi è poi l’attività di vigilanza sugli ordini professionali, sui Consigli nazionali degli ordini, sulle conservatorie dei registri immobiliari, sul Pubblico registro automobilistico,  sugli istituti vendite giudiziarie, sugli Archivi Notarili.

Esercita la vigilanza sui notai, sui Consigli notarili, sulla Cassa nazionale del notariato e sulla relativa commissione amministratrice occupandosi anche delle questioni concernenti l'applicazione delle leggi e dei regolamenti sul notariato, sull'avvocatura e sugli altri ordini professionali, ivi compresi i concorsi e gli esami.

Esamina e valuta i codici di comportamento redatti dalle associazioni rappresentative degli enti.
Controlla il recupero delle pene pecuniarie, dei proventi di cancelleria, delle tasse di bollo e registri , delle spese di giustizia, controlla inoltre la gestione dei depositi giudiziari. Vigila e controlla sui corpi di reato, sul servizio elettorale ed in generale sui servizi relativi alla giustizia civile e penale.
Segue la procedura istruttoria delle domande di grazia.
Gestisce il  funzionamento del casellario centrale e dei casellari giudiziali, attualmente proiettati verso l’interconnessione non solo nazionale ma europea.

Infine, ma non ultima, la Biblioteca centrale giuridica che raccoglie e fornisce documentazione preziosa a soggetti interni ed esterni all’Amministrazione in materia giuridica.
 

Obiettivi: Risultati raggiunti e scostamenti

Il procedimento di programmazione degli obiettivi, contenuti nella Direttiva dell’Onorevole Ministro, è stato condotto con i tempi e le modalità propri del ciclo di programmazione e controllo di gestione e del ciclo di programmazione del Sistema di valutazione dei dirigenti, approvato con D.M. del 22/12/2010.

Il Piano della performance 2012 del Dipartimento per gli Affari di Giustizia , ha recepito, dalla Direttiva Annuale del Ministro per l’anno 2012, gli indirizzi e gli obiettivi strategici ed operativi attinenti le proprie competenze, ossia:
 

  • Cooperazione internazionale. Era previsto il proseguimento dei  progetti di atti normativi dell’Unione europea nel campo del diritto civile, iniziati nel 2011, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale. A livello bilaterale, si è dato particolare risalto al dialogo con gli USA, il Messico e, più in generale, l’area geografica dell’America centrale e latina.
  • Semplificazione delle procedure e razionalizzazione della spesa. Tale obiettivo comportava il potenziamento del  sistema per la gestione telematica dei pagamenti delle spese di giustizia, progetto avviato negli ultimi mesi del 2011 (insieme a DigitPA), agevolando i rapporti tra uffici giudiziari ai professionisti e consentendo attraverso le comunicazioni telematiche la riduzione dei tempi di comunicazione, annullare i costi di notifica e ridurre i costi del personale UNEP.
  • Accelerazione del processo civile. L'obiettivo era quello di affinare il sistema della mediazione cogliendo le opportunità offerte da questo strumento di risoluzione alternativa delle controversie civili e commerciali. Si tratta di un’importante riforma che mira a ridurre in modo sensibile il numero di giudizi dinanzi al magistrato, offrendo alle parti uno strumento generale alternativo alla via giudiziale per risolvere le controversie dei cittadini. Questa importante riforma legislativa, completata con l’emanazione della normativa regolamentare di dettaglio, è operativa dal 20 marzo 2011. Le rilevazioni statistiche stimano che le richieste di mediazione siano passate da circa 5.000 nel marzo 2011 a circa 12.000 nel dicembre 2011, per raggiungere le circa 20.000 iscrizioni nell’ottobre 2012, mese in cui la Corte Costituzionale ha dichiarato la illegittimità costituzionale dell’ obbligatorietà della mediazione.

Nell’ottica, poi, di un processo di programmazione a cascata, gli obiettivi strategici del Ministro sono stati tradotti in obiettivi operativi.
Pertanto il DAG ha raccolto le priorità politiche tracciate dal Ministro declinandole su ciascuna  Direzione Generale e, in un processo a cascata, su ciascun responsabile di Ufficio. L’impegno è stato quello di coordinare obiettivi strategici e strutturali nonché tradurli in obiettivi operativi capaci di perseguire i traguardi stabiliti.

Il monitoraggio ha rilevato, nel corso dell’esercizio, la percentuale di avanzamento degli obiettivi, identificando gli eventuali scostamenti rispetto ai risultati attesi.
A conclusione dell’anno, i responsabili degli uffici dirigenziali di seconda fascia  hanno predisposto un monitoraggio finale sull’attività svolta, tesa ad illustrare i risultati raggiunti con particolare attenzione alle motivazioni del mancato o parziale conseguimento degli obiettivi assegnati.
Tale ultimo monitoraggio presenta i seguenti risultati, sinteticamente esposti e raggruppati.
 

Risultati per unità organizzative  

Capo Dipartimento

Ufficio III

  • Sistema “X–Leges”, costituzione di un gruppo di lavoro con i referenti tecnici delle istituzioni utenti e dall’agenzia per l’Italia digitale per l’analisi di fattibilità dell’evoluzione dell’architettura e del modello di gestione del programma; l’informatizzazione dell’ufficio ha permesso di estendere l’operatività del sistema alle decisioni Corte Costituzionale, con esclusione degli atti di promovimento; non è stato possibile rendere operativo il sistema IPZS- protocollo informatico- per problematiche connesse alla proprietà dei dati.
  • partecipazione alle programmate attività del Forum europeo delle Gazzetta Ufficiali allo scopo di conoscere, confrontare, migliorare le strategie e le soluzioni tecniche adottate dalle omologhe organizzazioni estere.
     

Direzione Generale della Giustizia Penale

Ufficio I

  • Creazione di una tavola sinottica degli strumenti normativi UE e del loro recepimento nel diritto nazionale;

Ufficio II

  • Mantenimento dello standard di 10gg per la trattazione delle pratiche dell’ufficio malgrado la contrazione nel numero di risorse di personale;

Ufficio III

  • Raggiungimento del 90% del progettato per la consultazione diretta del Casellario da parte delle PPAA (richiesta di attivazione della procedura con circolare del 21 febbraio 2013), il ritardo è imputabile ad uno slittamento nell'emanazione del decreto dirigenziale attuativo dell'art. 39 T.U. casellario, a cui il Garante per la protezione dei dati personali ha dato parere favorevole solo ad ottobre 2012, ed al passaggio di consegne tra le società affidatarie della gestione della porta di dominio;
  • Riduzione del 50% delle comunicazioni cartacee con comuni relativamente alle notizie sui persone decedute;
  • 50% del portale per la prenotazione on line dei certificati per il cittadino, il ritardo è legato a difficoltà nella costruzione del portale.
  • Realizzazione del 100% delle interconnessioni tra casellari europei. ( Avvio in esercizio con circolare del 1 febbraio 2013).
     

Direzione Generale della Giustizia Civile

Ufficio I

  • Realizzazione di una bozza di riforma legislativa sulle ” spese giustizia”;

Ufficio II

  • Realizzazione dei 2 incontri previsti e stesura di un verbale di intenti sulla cooperazione internazionale civile.

Ufficio III

  • Realizzazione di una bozza di riforma legislativa sulla ” legge per il concorso e trasferimento dei notai”.
     

Direzione Generale del Contenzioso e dei Diritti Umani

Ufficio I

  • Attuazione 100% dei risultati preventivati sia per la diffusione di best practices sulle intercettazioni;
  • 100% sul progetto di invio telematico degli atti tra DG ed Avvocature dello Stato;
  • 100% del progetto di inoltro di report da inviare a ciascuna Corte d’Appello relativamente ai danni erariali per ritardata giustizia di pertinenza del rispettivo distretto.

Ufficio II

  • Attuazione 100% della raccolta, traduzione e pubblicazione sul sito della documentazione. internazionale sulle misure di protezione alle vittime di violenza e discriminazione; 
  • Attuazione 100% della raccolta, traduzione e pubblicazione sul sito della documentazione internazionale sulle garanzie verso i minori;
  • Attuazione 100% della banca dati dei documenti tradotti.

Indicatori delle risorse umane e dei risultati per priorità politiche secondo lo schema della nota integrativa (raffronto con il 2011)
PRIORITA’ POLITICHE INDICATORI RISULTATI INDICATORI RISULTATI RISORSE UMANE ADDETTE
Consuntivo 2011 Consuntivo 2012 Anno 2012
FUNZIONAMENTO:
semplificazione processi (2011)

manutenzione e potenziamento struttrure (2011-12)

funzionamento servizi istituzionali (2011-12)

informatizzazione uffici (2011)

razionalizzazione della spesa(2011)
CIVILE: uff. 1 - n. 1 proposta di modifica normativa;

uff. 3 – n.1 proposta di modifica normativa;

PENALE: uff. 1- riduzione del 30% t.medio lavorazione esposti e grazie;

uff. 3 – interconnessione per acquisizione diretta dalle PPAA dei certificati Casellario e modifica TU casellario; predisposizione di piattaforma dedicata per la richiesta on line direttamente dal cittadino dei certificati del Casellario.

CONTENZIOSO –uff.2- dematerializzazione di circa il 40% dei fascicoli; predisposizione di glossario per la traduzione delle sentenze/atti stranieri
CAPO DIPARTIMENTO uff. 3 –GU-costituzione gruppo di lavoro per il programma X-Leges; informatizzazione: estensione del sistema IOL alle decisioni della corte Costituzionale; impossibilità di applicazione del sistema IPZS.

PENALE uff.1 - n. 1 ordine di servizio di riorganizzazione

uff.2 - mantenimento standard 10gg per la trattazione delle pratiche dell’ufficio a parità di contrazione del personale;

uff.3 – 90% del progettato per la consultazione diretta del Casellario da parte delle PPAA;riduzione del 50%comunicazioni cartacee con comuni; 50% del portale per la prenotazione on line dei certificati per il cittadino.

CIVILE uff.1 - bozza riforma legislativa su” spese giustizia”.

uff. 2 - n.2 incontri e stesura di un verbale intenti sulla cooperazione internazionale civile.

uff.3 - bozza riforma legislativa su” legge concorso e trasferimento notai”.

CONTENZIOSO: uff.2 -100% della banca dati dei documenti tradotti.
304
PRIORITA’ POLITICHE INDICATORI RISULTATI INDICATORI RISULTATI RISORSE UMANE ADDETTE
  Consuntivo 2011 Consuntivo 2012 Anno 2012
COOPERAZIONE INTERNAZIONALE PENALE uff. 2 – n.3 accordi/trattati e n. 25 scambi di intenti;

CIVILE uff. 2 – n. 3 sessioni formative su strumenti coop. Comunitaria in materia civile/commerciale;
CAPO DIPARTIMENTO uff. 3 –GU-partecipazioni agli incontri programma dal Forum Europeo delle GU.

PENALE uff.1
-n.1 tavola sinottica degli strumenti normativi UE e del recepimento nel diritto nazionale.

uff.3 – 100% interconnessioni tra casellari europei

CONTENZIOSO: uff.2 - 100% della raccolta, traduzione e pubblicazione sul sito della doc. internazionale sulle misure di protezione alle vittime di violenza e discriminazione; 100% della raccolta, traduzione e pubblicazione sul sito della doc. internazionale sulle garanzie verso i minori.
7
CONTENZIOSO E LEGGE PINTO CONTENZIOSO: uff.1 – predisposizione metodologie per accelerare fissazione udienze->50% per preventivo intervento della CC. CONTENZIOSO: uff.1 - 100% dei risultati preventivati sia per la diffusione di best practices sulle intercettazioni, sia sul sistema di invio telematico degli atti tra DG ed Avvocature dello Stato, sia sui report da inviare alle CA relativamente ai danni erariali per ritardata giustizia di pertinenza del distretto . 28

 
NB - il totale del personale distribuito tra gli obiettivi non corrisponde al totale del personale assegnato al Dipartimento poiché alcune figure perseguono più obiettivi

 

Risorse, efficienza ed economicità

Gli stanziamenti assegnati al Dipartimento, stanziamenti definitivi in conto competenza anno 2012, per il perseguimento degli obiettivi racchiudevano in macro aree di intervento le priorità politiche sopra evidenziate e le voci sono le seguenti:

  • assicurare il funzionamento dei servizi istituzionali – stanziamento previsto € 425.575.970 – unito a manutenzione e potenziamento delle strutture– stanziamento previsto € 32.796.105 – (nell’ambito del quale confluiscono le priorità politiche della “attuazione del sistema unico delle intercettazioni” , della “pianificazione e razionalizzazione della spesa” e della “semplificazione delle procedure”).
  • cooperazione internazionale – stanziamento previsto € 400.244.345 -
  • gestione del contenzioso civile e della legge “Pinto” – stanziamento previsto € 1.500.000

 

Spesa per missioni, programmi e priorità politiche
Priorità politiche Stanziamenti definitivi Spese cassa Risorse umane addette
Funzionamento:
-semplificazione processi (2011)
- manutenzione strutture (2011 - 2012)
- funzionamento serivi isituzionali (2011 - 2012)
- informatizzazione uffici (2011)
- razionalizzazione della spesa(2011)
2011 2012 2011 2012 2011 2012
579.728.944 458.372.075 458.301.467 363.702.079 290 304
Cooperazione internazionale 301.687.572 400.244.345 300.117.273 350.123.362 8 7
Contenzioso e legge Pinto 21.500.000 1.500.000 21.131.814 10.798.388 21 28

NB - Il totale del personale distribuito tra gli obiettivi non corrisponde al totale del personale assegnato al Dipartimento poiché alcune figure perseguono più obiettivi

FONTI:Note Integrative al Rendiconto Generale dello Stato anno 2011 parificato -  Note Integrative al Rendiconto Generale dello Stato anno 2012 da parificare.

 

DAG composizione personale

 

DAG distribuzione donne dipartimento

 

DAG distribuzione uomini dipartimento

  

Il programma triennale per la  trasparenza e l'integrità  e il rispetto degli obblighi di pubblicazione e definizione e gestione di standard di qualità 

Per chiarezza espositiva si ritiene  opportuno seguire, nella trattazione, l’ordine della tabella proposta dalla Civit per il Programma Triennale. Relativamente a ciascun item si formulano le seguenti osservazioni:

Per i “dati informativi sull’organizzazione ed i procedimenti”

  • Elenco completo delle caselle di posta elettronica – La posta elettronica è uno strumento ampiamente diffuso ed utilizzato da tutti gli Uffici. Si sta operando per estendere quanto può possibile l’uso di questo strumento;
  • Tempi e modalità di adempimento dei procedimenti ai sensi L. 241/90 – La legge 69/09 aveva previsto una revisione dei procedimenti amministrativi e della loro durata nell’ottica di definire in modo rigoroso, per tutte le Amministrazioni, tempi certi per la conclusione dei procedimenti . Allo stato sono pubblicate le informazioni riguardanti i procedimenti di maggior interesse per l’utenza esterna.
  • Informazioni sulla dimensione della qualità dei servizi erogati – Sono stati predisposti degli standard di qualità ( attualmente al vaglio della CIVIT) sulle attività svolte dalla: Biblioteca Centrale Giuridica (Ufficio II C.D.); dal Casellario Centrale ( Ufficio III penale); dall’Ufficio Gazzetta Ufficiale (Ufficio III C.D) . Solo uno, la Biblioteca, ha la Carta dei servizi.
  • Sondaggi sulla soddisfazione dell’utenza - Vengono, sul sito ufficiale, verifiche sul livello di soddisfazione relativamente alle informazioni ed al materiale pubblicato. Semestralmente i dati così ottenuti vengono elaborati e le informazioni, inoltrate ai rispettivi responsabili, rappresentano spunti per affinare le informazioni o il materiale fornito.
    Inoltre, nell’ambito di un settore di rilievo come la mediazione, è stata indetta una consultazione - sul sito ufficiale – costituita da un formulario contenente quesiti sulla materia compilabile dagli interessati, ossia tutti i soggetti che, per diverse ragioni, hanno comune l’interesse alla efficiente gestione del servizio di mediazione. L’obiettivo è quello di individuare le dimensioni salienti della qualità del servizio di mediazione utili per la stesura di un “Manuale di qualità degli organismi di mediazione” .

Per i “ dati informativi relativi al personale”

  • Curricula e retribuzioni – Le informazioni vengono aggiornate ogniqualvolta vi sia una nuova nomina. Alcune resistenze alla pubblicazione, dovute alla natura riservata delle informazioni, non hanno permesso di rendere esaustiva l’informazione.
  • Grado di differenziazione della premialità per il personale dirigenziale e non dirigenziale – La questione necessita di un tavolo di lavoro che veda riuniti i Dipartimenti Affari di Giustizia,  Organizzazione Giudiziaria e rappresentanze sindacali di base.

Per i “dati sulla gestione economico finanziaria”

  • Servizi erogati e contabilizzazione dei costi – Il Dipartimento si è attivato in tal senso per l’attivazione di corsi, per il proprio personale, sull’applicativo SICOGE Coint, programma di contabilità economico analitica di segnato dal MEF . I corsi si sono tenuti nel mese di maggio 2012 ed il sistema è divenuto operativo nel mese di dicembre al fine di adottare l’applicazione in concomitanza con la chiusura del vecchi e l’apertura del nuovo esercizio.

 

aggiornamento: 21 giugno 2013