salta al contenuto

aggiornamento: January 16, 2019

Accordo 16 gennaio 2019 - Accordo sui criteri per la corresponsione ai dirigenti di seconda fascia della retribuzione di risultato per gli anni 2015-2016 - Relazione tecnico finanziaria

Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi
Direzione generale del bilancio e della contabilità

RELAZIONE TECNICO-FINANZIARIA

ACCORDO SUI CRITERI PER LA CORRESPONSIONE AI DIRIGENTI
DI SECONDA FASCIA DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO
PER GLI ANNI 2015 - 2016

La presente relazione, redatta in attuazione dell’art. 40, comma 3-sexies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 sulla base degli schemi standard predisposti dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato d’intesa con il Dipartimento della Funzione Pubblica e diramati con circolare n. 25 del 19/07/2012 del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, è finalizzata alla dimostrazione della compatibilità dei costi previsti dall’accordo sottoscritto in data 16 gennaio 2019, concernente i criteri per la corresponsione ai dirigenti di seconda fascia della retribuzione di risultato per le attività relative agli anni 2015 e 2016, con i vincoli di bilancio derivanti dall’applicazione delle norme di legge ai fini del conseguimento della relativa certificazione da parte dei competenti organi di controllo.

I fondi per la retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti non generali dell’Amministrazione giudiziaria interessati dal presente accordo sono quelli relativi agli anni 2016 e 2017.

I suddetti fondi (2016 e 2017), distintamente formalizzati con provvedimenti del Direttore generale del bilancio e della contabilità del 14 novembre 2017, vistati dall’Ufficio centrale del bilancio in data 30 novembre 2017, presentano un ammontare complessivo pari a euro 11.662.760,00 per ciascuno dei due anni.

Le risorse disponibili regolate dall’accordo in esame sono state quantificate in euro 3.500.819,00 (al lordo degli oneri a carico dell’amministrazione) per le attività del 2015 (fondo 2016) e in euro 3.325.200,00 (al lordo degli oneri a carico dell’amministrazione) per le attività del 2016 (fondo 2017).

Modulo I – La costituzione del Fondo per la contrattazione integrativa

Sezione I - Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità

Sezione I - Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità
Risorse storiche consolidate 2016 2017
Fondo 2004 certificato 10.339.970,00 10.339.970,00
di cui parte fissa 9.788.269,00 9.788.269,00
Totale 1 9.788.269,00 9.788.269,00
Incrementi esplicitamente quantificati in sede di CCNL
CCNL 2004/2005 art. 7 (Incrementi sul monte salari) 428.331,00 428.331,00
CCNL 2006/2007 art. 22 (Incrementi sul monte salari) 707.948,00 707.948,00
CCNL 2008/2009 art. 7 (Incrementi sul monte salari) 395.555,00 395.555,00
Totale 2 1.531.834,00 1.531.834,00
Altri incrementi con carattere di certezza e di stabilità
CCNL 2002/2005 art. 58 co. 4, (ria cessati) 1.175.455,92 1.213.416,30
Totale 3 1.175.455,92 1.213.416,30
Totale Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità 12.495.558,92 12.533.519,30

Risorse storiche consolidate

La parte fissa del fondo certificato 2004 pari ad euro 9.788.269,00 è costituita dalle risorse derivanti dalla fase di prima costituzione del fondo (CCNL 1994/1997 art. 36, co 2, lett. a), b), c), d) ) e dai successivi incrementi di attuazione di norme contrattuali. In particolare:

  • ex art. 3 co. 1, lett. b) CCNL 2000/2001 € 606.495,00 a decorrere dal 2003;
  • ex art. 58 co. 5 CCNL 2002/2003, € 598.454,46;
  • ex art. 7 CCNL 2004/2005 € 199.533,09;
  • ex art. 58 co. 4 CCNL 2002/2005 € 307.894,00

A decorrere dall’anno 2005 il fondo è stato incrementato con le voci di cui alla precedente tabella.

Incrementi esplicitamente quantificati in applicazione del CCNL

  • CCNL 2004/2005 art. 7: € 428.331,00 (€ 194.212,00 a decorrere dal 2005 ed € 234.119,00 a decorrere dal 2006);
  • CCNL 2006/2007 art. 22 : € 707.948,00 a decorrere dal 2008
  • CCNL 2008/2009 art. 7 : € 395.555,00 a decorrere dal 2009

Altri incrementi con carattere di certezza e di stabilità

  • CCNL 2002/2005 art. 58 co. 4, (ria cessati) come di seguito rappresentato:
    € 131.967,00 (2005) - € 68.145,00 (2006) - € 130.119,00 (2007) - € 148.181,00 (2008) - € 146.829,00 (2009) - € 144.166,00 (2010) - € 91.569,00 (2011) - € 123.083,00 (2012) - € 40.130,00 (2013)- € 45.282,00 (2014) - € 69.728,00 (2015) - € 36.256,92 (2016) - € 37.960,38 (2017)

Sezione II - Risorse variabili

Sezione II - Risorse variabili 2016 2017
CCNL 2002/2005 art. 58 co. 3 lett. a) (pro rata ria cessati) 18.932,00 22.066,93
Totale Risorse variabili 18.932,00 22.066,93

Sezione III – Decurtazioni dal Fondo

Il Fondi oggetto dell’accordo (2016 e 2017) sono soggetti a diverse limitazioni normative come di seguito indicato.

Il Fondo 2016 è soggetto alle limitazioni di cui all’art. 1, comma 236, della legge 28 dicembre 2015, n. 208. Sulla base di tale provvedimento legislativo lo stesso trova il suo limite massimo nel Fondo certificato 2015 ed è soggetto ad una riduzione proporzionale rispetto alla riduzione del personale in servizio, tenendo conto del personale assumibile ai sensi della normativa vigente.

Il Fondo 2017 è soggetto alle limitazioni di cui all’art. 23, comma 2, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75 che limita le risorse destinate al trattamento accessorio all’importo determinato nel 2016.

Sezione III - Decurtazioni dal fondo 2016 2017
Riduzione ex Art. 1, comma 236, L. 208/2015 851.730,92 -
Riduzione ex Art. 23, comma 2, D. Lgs. n. 75/2017 - 892.826,23
Totale Decurtazioni 851.730,92 892.826,23

Le decurtazioni sono state calcolate:

  1. Per il 2016, sottraendo dal fondo tendenziale, così come risultante dalla somma delle risorse di cui alle sezioni I e II del presente Modulo I, le risorse del fondo del 2015 (pari ad euro 11.662.760,00) che ai sensi dell’art. 1, comma 236, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 rappresenta il limite massimo.
    La riduzione proporzionale è pari a zero. Infatti, il personale mediamente presente nel 2016, considerate anche n. 9 unità assumibili, risulta pari a 265 unità mentre quello mediamente presente nell’anno 2015 è pari a 263 unità.
  2. Per il 2017, sottraendo dal fondo tendenziale, così come risultante dalla somma delle risorse di cui alle sezioni I e II del presente Modulo I, le risorse del fondo del 2016 (pari ad euro 11.662.760,00) che ai sensi dell’art. 23, comma 2, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75 rappresenta il limite massimo

Sezione IV – Sintesi della costituzione del Fondo sottoposto a certificazione

Fondo tendenziale 2016 2017
Totale Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità 12.495.558,92 12.533.519,30
Totale Risorse variabili 18.932,00 22.066,93
Totale Fondo tendenziale 12.514.490,92 12.555.586,23
Totale Decurtazioni 851.730,92 892.826,23
Fondo sottoposto a certificazione 11.662.760,00 11.662.760,00

Sezione V – Risorse temporaneamente allocate all’esterno del Fondo

Parte non pertinente allo specifico accordo illustrato.

Modulo II – Definizione delle poste di destinazione dei fondi relativi al presente accordo.

Sezione I – Destinazioni non disponibili alla contrattazione integrativa o comunque non regolate specificamente dal Contratto Integrativo sottoposto a certificazione.

Sezione I - Destinazioni non disponibili 2016 2017
Retribuzione di posizione anni di riferimento 8.161.941,00 8.337.560,00

Sui fondi 2016 e 2017 grava la retribuzione di posizione (fissa e variabile) relativa, rispettivamente agli anni 2016 e 2017 ed i corrispondenti importi di € 8.161.941,00 e di € 8.337.560,00 non rientrano nella disponibilità della contrattazione integrativa. Si allegano, al riguardo, i relativi prospetti di calcolo.

Sezione II – Destinazioni specificamente regolate dal Contratto Integrativo

Sezione II - Destinazioni regolate dal C.I. 2016 2017
Retribuzione di risultato 3.239.866,59 3.100.269,62
Incarichi ad interim 260.952,41 224.930,38
Totale risorse regolate dal C.I. 3.500.819,00 3.325.200,00

La parte di risorse disponibili per la contrattazione integrativa è destinata, alla remunerazione degli incarichi ad interim ricoperti nel corso del 2015 (€ 260.952,41) e del 2016 (€ 224.930,38), pari al 20% della retribuzione di posizione riconosciuta alla posizione dirigenziale dell’incarico ad interim, ed alla retribuzione di risultato per i medesimi anni (€ 3.239.866,59 per il 2015 ed € 3.100.269,62 per il 2016). La retribuzione di risultato viene attribuita sulla base della normativa vigente in materia ivi compreso il dettato di cui agli articoli 25 e 26 del CCNL 2006-2009.

Sezione III – (eventuali) Destinazioni ancora da regolare

Parte non pertinente allo specifico accordo illustrato.

Sezione IV – Sintesi della definizione delle poste di destinazione del Fondo per la contrattazione integrativa sottoposto a certificazione.

Poste di destinazione 2016 2017
Destinazioni non disponibili - Totale sezione I 8.161.941,00 8.337.560,00
Destinazioni regolate dal C.I. - Totale sez. II 3.500.819,00 3.325.200,00
Destinazioni ancora da regolare - Totale sez. III - -
Totale poste di destinazione Fondo sottoposto a certificazione 11.662.760,00 11.662.760,00

Sezione V – Destinazioni temporaneamente allocate all’esterno del Fondo

Parte non pertinente allo specifico accordo illustrato.

Sezione VI – Attestazione motivata, dal punto di vista tecnico finanziario, del rispetto dei vincoli di carattere generale

Si attesta che le risorse aventi destinazione certa e continuativa (retribuzione di posizione fissa e variabile) trovano adeguata copertura nell’ambito delle risorse fisse del Fondo aventi carattere di certezza e di stabilità.

Sia per il 2016 che per il 2017 le risorse destinate alla retribuzione di posizione (fissa e variabile) sono inferiori alla componente fissa del fondo come risultante dalla Sezione I – Modulo I della presente relazione tecnico – finanziaria:

Fondo 2016
Risorse aventi carattere di certezza e stabilità € 12.495.558,92
Risorse aventi destinazione certa e continuativa € 8.161.941,00

Fondo 2017
Risorse aventi carattere di certezza e stabilità € 12.533.519,30
Risorse aventi destinazione certa e continuativa € 8.337.560,00

Si attesta che le risorse sono distribuite nel rispetto del principio di attribuzione selettiva in materia di incentivi economici. L’art. 1 dell’accordo in esame prevede, infatti, che le risorse disponibili sono distribuite tenendo conto della valutazione formalizzata con decreto del Ministro ed elaborata in base al grado di raggiungimento degli obiettivi assegnati prevedendo sei giudizi a cui corrispondono sei differenti parametri che vanno da un minino di 0 (zero) fino ad un massimo di 1,2.

Modulo III – Schema generale riassuntivo del Fondo per la contrattazione integrativa e confronto con il corrispondente Fondo certificato dell’anno precedente.

Sezione I - Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità
Risorse storiche consolidate 2015 2016 2017
Fondo 2004 certificato 10.339.970,00 10.339.970,00 10.339.970,00
di cui parte fissa 9.788.269,00 9.788.269,00 9.788.269,00
Totale 1 9.788.269,00 9.788.269,00 9.788.269,00
Incrementi esplicitamente quantificati in sede di CCNL
CCNL 2004/2005 art. 7 (Incrementi sul monte salari) 428.331,00 428.331,00 428.331,00
CCNL 2006/2007 art. 22 (Incrementi sul monte salari) 707.948,00 707.948,00 707.948,00
CCNL 2008/2009 art. 7 (Incrementi sul monte salari) 395.555,00 395.555,00 395.555,00
Totale 2 1.531.834,00 1.531.834,00 1.531.834,00
Altri incrementi con carattere di certezza e di stabilità
CCNL 2002/2005 art. 58 co. 4, (ria cessati) 1.069.471,00 1.175.455,92 1.213.416,30
Totale 3 1.069.471,00 1.175.455,92 1.213.416,30
Totale Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità 12.459.302,00 12.495.558,92 12.533.519,30

 

Sezione II - Risorse variabili 2015 2016 2017
CCNL 2002/2005 art. 58 co. 3 lett. a) (pro rata ria cessati) 22.674,00 18.932,00 22.066,93
CCNL 2002/2005 art. 58 co. 3 lett. e) (risparmi L. n. 449/97) - - -
Assicurazione dirigenti 67.675,00 - -
Totale Risorse variabili 90.349,00 18.932,00 22.066,93

 

Sezione III - Decurtazioni dal fondo 2015 2016 2017
Totale Decurtazioni 886.891,00 851.730,92 892.826,23

 

Fondo tendenziale 2015 2016 2017
Totale Risorse aventi carattere di certezza e di stabilità 12.459.302,00 12.495.558,92 12.533.519,30
Totale Risorse variabili 90.349,00 18.932,00 22.066,93
Totale Fondo tendenziale 12.549.651,00 12.514.490,92 12.555.586,23
Totale Decurtazioni 886.891,00 851.730,92 892.826,23
Fondo sottoposto a certificazione 11.662.760,00 11.662.760,00 11.662.760,00

 

Sezione I - Destinazioni non disponibili 2015 2016 2017
Retribuzione di posizione anni di riferimento 8.633.973,55 8.161.941,00 8.337.560,00

 

Sezione II - Destinazioni regolate dal C.I. 2015 2016 2017
Retribuzione di risultato 2.825.183,45 3.241.280,43 3.100.269,62
Incarichi ad interim 203.603,00 259.538,57 224.930,38
Totale risorse regolate dal C.I. 3.028.786,45 3.500.819,00 3.325.200,00

 

Poste di destinazione 2015 2016 2017
Destinazioni non disponibili - Totale sezione I 8.633.973,55 8.161.941,00 8.337.560,00
Destinazioni regolate dal C.I. - Totale sez. II 3.028.786,45 3.500.819,00 3.325.200,00
Destinazioni ancora da regolare - Totale sez. III - - -
Totale poste di destinazione Fondo sottoposto a certificazione 11.662.760,00 11.662.760,00 11.662.760,00

Modulo IV – Compatibilità economico – finanziaria e modalità di copertura degli oneri del fondo con riferimento agli strumenti annuali e pluriennali di bilancio.

Sezione I – Esposizione finalizzata alla verifica che gli strumenti della contabilità economico – finanziaria dell’Amministrazione presidiano correttamente i limiti di spesa del Fondo nella fase programmatoria della gestione.

Per il fondo per la retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti non è previsto uno specifico capitolo di bilancio e, di conseguenza, lo stesso non trova evidenza nell’ambito del bilancio di previsione dello Stato e la relativa spesa trova imputazione sugli ordinari capitoli stipendiali.

In occasione delle proposte previsionali formulate dall’amministrazione, i parametri retributivi utilizzati per la quantificazione degli stanziamenti di tali capitoli tengono conto anche della componente relativa agli emolumenti connessi al fondo e la spesa trova, quindi, adeguata copertura finanziaria. Il complesso di tale attività viene svolto attraverso l’utilizzo degli applicativi SICO e CONTECO come da istruzioni della Ragioneria generale dello Stato.

Sezione II – Esposizione finalizzata alla verifica a consuntivo che il limite di spesa del Fondo dell’anno precedente risulta rispettato.

La quantificazione, a consuntivo, della componente della spesa riferita alla retribuzione di posizione viene effettuata sulla base degli incarichi svolti nell’anno di riferimento e formalizzata in occasione della quantificazione della quota residua, destinata alla retribuzione di risultato, necessaria per l’avvio della connessa attività negoziale.

La medesima quantificazione costituisce documentazione allegata al formale provvedimento ricognitivo del fondo, sottoposto al visto dell’Ufficio centrale del bilancio.

Sezione III – Verifica delle disponibilità finanziarie dell’Amministrazione ai fini della copertura delle diverse voci di destinazione del Fondo

Come evidenziato nella sezione I, le risorse finanziarie occorrenti per la copertura delle voci di destinazione del fondo sono ricomprese nell’ambito degli ordinari stanziamenti di bilancio relativi ai capitoli stipendiali.

La mancanza di uno specifico capitolo di bilancio (previsto solo il fondo del comparto ministeri) non consente, quindi, di dare immediata evidenza delle occorrenti disponibilità finanziarie.

Il Direttore Generale
Lucio Bedetta