salta al contenuto

Uffici esecuzione penale esterna (Uepe)

aggiornamento: 3 ottobre 2014

Gli Uffici di esecuzione penale esterna (U.E.P.E.) sono articolazioni territoriali ed operative dell’Amministrazione penitenziaria.
Il principale campo di intervento ad essi attribuito è quello relativo all’esecuzione delle sanzioni penali non detentive e delle misure alternative alla detenzione;  a tal fine, elaborano e propongono alla magistratura il programma di trattamento da applicare e ne verificano la corretta esecuzione da parte egli ammessi a tali sanzioni e misure.

I compiti ad essi attributi sono indicati dall’articolo 72 della legge 26 luglio 1975 n. 354 e dalle altre leggi in materia di esecuzione penale; si esplicano in quattro aree di intervento:

  • attività di aiuto e controllo delle persone sottoposte alla messa alla prova e all’affidamento in prova al servizio sociale e di sostegno dei  detenuti domiciliari;
  • esecuzione del lavoro di pubblica utilità e delle sanzioni sostitutive della detenzione;
  • attività di indagine sulla situazione individuale e socio – familiare nei confronti dei soggetti che chiedono di essere ammessi alle misure alternative alla detenzione e alla messa alla prova;
  • su richiesta della magistratura di sorveglianza, le inchieste al fine dell’applicazione, modifica, proroga o revoca delle misure di sicurezza;
  • attività di consulenza agli istituti penitenziari per favorire il buon esito del trattamento penitenziario.

Nello svolgimento di tali attività, gli U.E.P.E. operano secondo una logica di intervento di prossimità e di presenza nel territorio, a supporto delle comunità locali e in stretta sinergia:

  • con gli enti locali, le associazioni di volontariato, le cooperative sociali e le altre agenzie pubbliche e del privato sociale presenti nel territorio, per realizzare l’azione di reinserimento ed inclusione sociale;
  • con le forze di polizia, per l’azione di contrasto della criminalità e di tutela della sicurezza pubblica.

Oggi, su tutto il territorio nazionale, sono presenti 58 Uffici di esecuzione penale esterna e 29 Sedi distaccate.

Al loro interno operano differenti figure professionali tra le quali: dirigenti, assistenti sociali, psicologi, poliziotti penitenziari, funzionari amministrativi, contabili e personale ausiliario e di supporto. Collabora anche personale volontario in possesso per le attività di reinserimento delle persone in esecuzione penale esterna.